Che cos'è questo blog?

Per le mamme ma non solo.

Per chi ha bisogno di sentirsi in (pessima) compagnia.

Per sfogarsi.

Per sapere che alla fine, se così tante si lamentano, magari non siamo noi che non andiamo bene, ma forse ce l'hanno raccontata un po' troppo grossa all'inizio.

Come quando ti raccontano del principe azzurro e poi, quando ci vivi assieme, lo strozzeresti un giorno si e un giorno anche sto principe azzurro.

Allo stesso modo ci hanno infocchettato la storia della maternità con cuoricini e angioletti, ma quando ti ci ritrovi tutto questo straripare d'amore e sintonia tu non lo vedi, e ti senti sbagliata.

Non sei sbagliata. Sei una pessima_mamma in ottima_compagnia.


mercoledì 6 aprile 2011

La storia di Gnappetta

Post n°95 pubblicato il 18 Marzo 2008 da waiting_giulia

La mia piccola principessa, essendo appunto tale, non ama faticare e con il minimo sforzo vuole il massimo risultato…
Principessa non prende il latte al seno perché si stanca subito, due poppate e via…di nuovo a nanna!
Ho provato a stuzzicarla in tutti i modi: solleticandola sotto i piedi, stringendole le mani, avvicindandola di più al seno, usando il paracapezzoli…niente non c’è verso!
Mostra già di avere un bel caratterino, appena capisce che il latte non scende giù a fontanella come vorrebbe lei ma che per prenderlo deve fare la fatica di succhiarlo, inizia a sbraitare, agita le mani, diventa tutta rossa, piange e si dispera e alla fine non mangia più ma continua ad urlare come una pazza!
All’ospedale è stata due giorni senza mangiare mentre io ero seguita da ostetriche ed infermiere per trovare la posizione adatta per attaccarla al seno, ma alla fine mi sono dovuta rassegnare, quello che dovrebbe essere il gesto più naturale del mondo tra una mamma e il suo bambino non posso provarlo…
Visto però che di latte ne ho in abbondanza (almeno per ora) ed è un peccato sprecarlo (cerco inoltre di evitare un ingorgo mammario) le do con il biberon il mio lattuccio precedentemente tirato con uno di questi moderni strumenti di tortura:
questo che sconsiglio vivamente a chiunque ne avesse bisogno perché si è rotto in 4 giorni, e questo…di una comodità…che ve lo dico a fare?!
Mi ha preso in giro anche il mio Amore che a qualsiasi ora del giorno e della notte mi trovava con questo aggeggio in mano e con i crampi alle mani a furia di tirare…
Ma adesso è arrivato questo elettrico!
Ed è tutta un’altra storia!
Giulia mia, vedi la mamma che cosa è costretta a fare per sfamarti?
Mi sento una mucca da mungere…
C’è qualcuna che ha qualche consiglio per l’allattamento?
Spero che Giulia capisca presto il meccanismo…o devo rassegnarmi? Che dite?
Visto che ora la belvetta sta dormendo, ne approfitto per riposare un po’ anch’io.
Buona notte!!!


Questo è quello che scrivevo a 11 giorni dalla nascita di mia figlia.
Di consigli ne ho ricevuti a bizzeffe, alcuni utili, altri un po' meno. Ma non è questo il punto.
Per molto mi sono sentita una mamm "di serie B", soprattutto quando CHIUNQUE incontrassi (anche il vecchietto sotto casa che presumibilmente non aveva mai partorito) mi chiedeva come fosse possibile che, pur avendo latte, non riuscissi ad attaccare al seno mia figlia.
Come è possibile?
E' possibile.
E di certo non si è trattata di scarsa volontà da parte mia o di poco impegno.
All'ospedale sono stata seguita bene, sia le ostetriche che le infermiere mi son state vicine e hanno provato a far attaccare Giulia senza riuscirci. Alla fine mi ero anche un po' stancata di dover far vedere ad ogni cambio turno come mia figlia NON prendesse il latte e di farmi strizzare i capezzoli da ogni nuova arrivata.
Il rientro a casa è stato tragico. Sono arrivata con un seno enorme e dolorante tanto che una mia amica appena mi ha visto mi ha soprannominato "tette di marmo"!
Il tiralatte è stato essenziale per non farmi venire un ingorgo ma in questi quasi 3 anni di vita di mia figlia è stata la cosa più frustrante che ricordi.
Tutti che pontificavano sui benefici ed i vantaggi del latte materno ed io lì ad ogni ora del giorno e della notte con questo attrezzo in mano e la tetta al vento a tirare quando più latte possibile...ovviamente con mia figlia urlante vicino.
Credo di aver sfiorato la depressione davvero.
La sera il Papy tornava a casa e mi trovava alienata davanti alla tv con Giulia che piangeva disperata in braccio.
Lo guardavo, letteralmente gli "mollavo" Giulia e scoppiavo a piangere mentre mi avviavo in camera da letto.
Aspettavo come la manna dal cielo che qualcuno arrivasse a casa per farmi una doccia (senza sentire piangere mia figlia) perchè poi con l'acqua calda il latte scendeva più velocemente e mi ri-tiravo il latte.
Questo strazio è durato un paio di mesi.
Poi FORTUNATAMENTE a furia di tirarlo (e di certo il tiralatte non è come la suzione di un neonato) il latte ha iniziato a scarseggiare fino ad andarsene del tutto.
E lì son passata al latte artificiale.
Una volta trovato il latte giusto è andato tutto moooolto meglio.
Pazienza dover andare in giro col portabiberon e il biberon pronto.
Pazienza doversi fermare al bar e riscaldare tutto mentre gridavo al barista di turno "a bagnomaria mi raccomando!".
Pazienza non avere la centrale del latte dove il latte è sempre pronto, ha il giusto nutrimento, la giusta temperatura etc etc (tutte cose giustissime ma che due palle a te che non sei riuscita!), io ci ho guadagnato in salute, anche perchè poi mia figlia ha iniziato a regolarizzarsi con i pasti e a dormire tutta la notte.
E ho imparato che non è certo l'allattamento al seno che crea un rapporto speciale con i propri figli...quando mia figlia mi guarda con gli occhi adoranti, come se fossi una dea ai suoi occhi, so che lei SA che io sono la sua mamma, quella che l'ha messa al mondo, quella che l'ha nutrita con le lacrime agli occhi, quella che darebbe la propria vita per lei.
 
P.s. (n.d.r.) I link potrebbero non essere validi...ma penso che alcune di voi questo strumenti di tortura li conoscono!!!!

6 commenti:

A Prova di Mamma ha detto...

qualcuno mi spiegherà prima o poi perchè le ostetriche ti strizzano i capezzoli invece di dirti "signora provi a fare così" che me li strizzo da sola... AARGHH!!

Pentapata ha detto...

io usavo la'acqua calda che il barista mi dava nel bricco, la stessa del tè per capirci e la smezzavo con la fredda! la gente mi guardava un po' storto, ma chissene mica potevo morire sepolta in casa no?

Contessa ha detto...

sei una santa. io ho tirato il latte una volta solamente perchè la mia dal bibe col cavolo che mangiava. morale? cinque mesi di reclusione totale.

Gnappetta ha detto...

@AprovadiMamma: per far uscire 2 gocce di latte e far attaccare meglio il bimbo...ovviamente siamo capaci da sole a strizzarci il capezzolo! ;)
@Pentapata: e certo, poi una si ingegna!
@Contessa: alla fine fai di necessità virtù...mia figlia paracula non ha mai rifiutato il biberon, anzi ho dovuto anche allargarle il foro per far scendere il latte più velocemente!

Anonimo ha detto...

said many people reimburse most of the fiscal loans before its due along with with out penalty charges
A respected credit debt charitable trust wants may be most people using these individuals just for assist over pay day loan loans to make sure you two times the following. credit debt nonprofit charities states about buy that quick, big attention funds at the moment. The good cause pronounces 3 years before may be purchasers using them seemed to be simple.
kliknij w ten link, a zobaczysz więcej
pożyczka przez internet bez bik
szybkie kredyty gotówkowe dla firm
pożyczki do 500 zł
kredyty bez bik

http://pozyczki-prwatne.net.pl
http://szybkapozyczka24.info.pl
http://pozyczki-prwatne.com.pl

Anonimo ha detto...

I almost never create remarks, but i did a few searching and wound up here
"La storia di Gnappetta". And I do have 2 questions for you if it's
allright. Is it just me or does it look like some of these comments appear as if they are coming from brain dead folks?
:-P And, if you are writing at additional online social sites, I would like to follow anything new
you have to post. Could you make a list of all of all
your community pages like your twitter feed, Facebook page
or linkedin profile?

Feel free to visit my web blog; anon car shipping